Intervista al viola

Così come avevo intervistato il giallo (trovate "l'intervista" qui) oggi intervisterò il viola.

Attraverso la cosiddetta regola delle 5 W iniziali di Who, What, Where, When, Why, proverò a farvi conoscere qualche curiosità in più legata a questo colore

WHO - Chi?  

Giulio Cesare  decretò che a nessun altro tranne a lui fosse concesso di indossarlo. Infatti furono i romani a fare di questo colore uno status symbol. Elisabetta I vestì di viola il giorno della sua incoronazione e anche la sua bara fu avvolta con un tessuto di velluto viola. (*) Il colore viola era amato anche dalla regina Vittoria e la tonalità da lei amata la si ritrova ancora nel brand Liberty, il prestigioso magazzino londinese di thè, stoffe e saponi.

WHAT- Che cosa?

Che cosa indossare se volete dare l'impressione di una consapevolezza spirituale? Sicuramente il viola! Ma attenzione, troppo viola  può dare anche la sensazione di troppa introspezione.

WHEN – Quando?

Quando viene utilizzato il viola nel marketing? Solitamente lo si utilizza quando si  ha la necessità di evocare profumo, lusso, successo, mistero, fantasia.

WHERE- Dove? 

Dove evitare il colore viola in casa? Sicuramente in cucina o in sala da pranzo in quanto il colore blu contenuto in esso potrebbe inibire l'appetito.

WHY- Perché?

Nel Medioevo, durante la Quaresima,  il periodo antecedente la Pasqua, e il cui colore simbolico di penitenza e austerità era il colore viola, venivano vietate le rappresentazioni teatrali e ogni spettacolo in generale. Per questo motivo ancora oggi il colore viola non è ben visto nel mondo dello spettacolo.

Spero vi abbiano divertito queste curiosità sul colore viola. La prossima settimana si cambia colore e introdurrò il colore arancio.  Buon fine settimana intanto!




 

 


(*) Karen Heller, Il piccolo libro del colore, Corbaccio

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Che nero?

Blu colore del cielo